• Mio figlio è un fenomeno. Amorevoli disastri dei genitori negli sport giovanili
Mio figlio è un fenomeno. Amorevoli disastri dei genitori negli sport giovanili

Mio figlio è un fenomeno. Amorevoli disastri dei genitori negli sport giovanili

Il padre che vede nel figlio campione una possibile fonte di guadagno, la madre che affida al figlio il compito di tener e alta la bandiera della famiglia. Padri che pagano al figlio un premio-partita di 20 euro per ogni gol che fa. Nonni che al pomeriggio curano personalmente il ripasso dei fondamentali col nipotino. Madri che impazziscono se il loro piccolo non ha bevuto l'integratore, che chiedono all'allenatore quando ci sono le udienze e se è possibile togliere il loro pargolo dalla barriera durante le punizioni della squadra avversaria. Un campionario che sembra surreale, se non fosse che è tutto vero. "Mio figlio è un fenomeno" è il risultato di una ventina di colloqui con allenatori, dirigenti e arbitri che hanno raccontato una serie di episodi sull'invadenza dei genitori all'interno delle squadre dei settori giovanili di casa nostra. Episodi riportati sfumando i toni e cambiando i nomi, sia per la privacy degli sportivi minorenni, sia per la tutela dell'incolumità dell'allenatore o del dirigente di turno, perché "se quella mamma scopre che sto parlando di lei, io sono finito". Vedi di più