• Carlo Pollarini. Una giovinezza
Carlo Pollarini. Una giovinezza

Carlo Pollarini. Una giovinezza

Scrive Marino Biondi nella introduzione al libro: "La pace operosa della città rinascente seppe essere indifferente alla tragedia di un uomo solo. Si voltò, certo con pena e rimpianto, al passaggio del feretro, ai funerali di lunedì 3 marzo 1947. Poi il lungo sonno in fondo a via Pacchioni, dove stanno tanti dei nostri cari. E adesso sappiamo che c'è Carlo. Vorremmo che molti lettori lo sapessero. La memoria delle famiglie è selettiva. La storia di Carlo non era appartenuta a quella della mia famiglia, mentre era entrata nella memoria di altre famiglie. La nostra memoria di cesenati si è arricchita, per merito di Alberto Gagliardo, di quel parente lontano, sempre giovane. Questo saggio, un delicato e forte cammeo, ce lo restituisce nel fervore delle sue passioni, nella tensione dei suoi anni, nella bellezza tormentata della sua breve vita, nel suo amore grande e assiderato entro l'attimo di disperazione a cui non ci fu rimedio, in quel nevoso inverno cesenate. Gli antichi erano davvero pietosi quando dicevano che muore giovane colui che al cielo è caro. Vogliamo credere che sia stato così anche per Carlo Pollarini". Vedi di più